Malinche and the Automaton

[italiano]

When incomprehensible flows proceeding from the semiotic Meta-machine invade the space of symbolic exchange, our world collapses because we are unable to say anything effective about events and things that surround us.
The Spanish colonisation of Mesoamerica was essentially a process of symbolic and cultural submission. The “superiority” of the colonisers lay essentially on the operational effectiveness of their technical production. The colonisation destroyed the cultural environment in which indigenous communities had been living for centuries: the alphabetic technology, the power of the written word overwhelmed, jeopardised and finally superseded the indigenous cultures. The Christian message melted with pre-colonisation mythologies, and the modern Mexican culture emerged as an effect of submission to the alphabetic semiosis, but also as an effect of contamination and syncretism.

Thanks to the functional superiority of the alphabetic semio-machine, the Europeans submitted and re-coded the cultural universe of the natives.

The mythos of Malinche lies at the bottom of the Latin American Unconscious.
Before the arrival of the Spanish invaders Malinche (Malinalli in Nahuatl language, Marina for the Spaniards), the daughter of a noble Aztec family was given away as a slave to passing traders after her father died and her mother remarried. By the time Cortés arrived, she had learned the Mayan dialects spoken in the Yucatan while still understanding Nahuatl, the language of the Aztecs. For many years Malinche – a resourceful woman of exceptional beauty and intellectual brilliance – became the lover of Cortés and accompanied him as interpreter. She translated the words exchanged by Cortes and Moctezuma, king of the Atzech population of Tenochtitlan, and she translated the conqueror’s words when he met crowds of indigenous persons. She translated for Nahuatl speaking people the words of Christian conquerors and of Christian priests. How did she manage to translate Christian mythology and ethical concepts into the mythology of Quetzalcòatl and Huizilopochtli? What kind of symbolic transformation and re-elaboration her translations involved?

The translator was a traitor in a double direction: she betrayed her own people, linking with the invaders. But she also betrayed the conquerors, and she betrayed her lover himself. By the moral point of view she owed nothing to her own people who had sold her in slavery, and treated her as a servant. Cortes chose her as lover and collaborator, and they had a child, Martin, the first Mexican.
Malinche is the symbol of the end of a world, and also the symbol of the formation of a new semiotic space. Only when you are able to see the collapse as the end of a world, a new world can be imagined. Only when you get free from hope (which is the worst enemy of intelligence) you start seeing the new horizon of possibility.
This is the lesson that Malinche is teaching us.

democracy

On 31 October 20011 George Papandreou announced his government’s intentions to hold a referendum for the acceptance of the terms of a eurozone bailout deal. He wanted the Greek people to decide if the diktat of the financial class which was strangling the Greek society had to be accepted or rejected. Overnight the elected Prime Minister of Greece was obliged to resign. In the very place where it was invented and named twenty-five centuries ago, Democracy was finally cancelled. It will nevermore come to life again.
The financial abstraction has swallowed the destiny of billions of people. European workers salary has halved in the last ten years, unemployment and precariousness are on the rise while the financial profits are skyrocketing.

war

The Euroasian continent is heading towards a proliferation of fragmentary war.
The infinite war launched by Cheney and Bush has paved the way to the establishment of the Islamist Caliphate.
In Japan the nephew of a Nazis Ministry of 1942 is now the Prime Minister.
In India a racist mass murderer (Neoliberal of course) has been elected Prime Minister.
Euro-Russian war is in the making at the Ukrainian border.
Tanks and curfew in the streets of Ferguson, Missouri. Two millions of homeless in the US.
While capitalism will thrive thanks to massive slavery and eco-catastrophe the next 20 years will be marked by the clash between financial abstraction and biofascism.
The automated cognitive activity  is estranged from the body, so the decerebrated body is taking the form of identitarian aggressiveness.
Fascism is revived by the vengeful spirit of the losers. Those who have been lost in the competition react under the banners of aggressive identification.

biofinancial power

National States are over, jeopardised and disempowered by the global machine of Finance and by the all pervading data control.
Global corporations are taking the place of the national States. The automation of mind language and emotions is the architecture of bio-financial power.
So no matter if the US military machine is running on empty because of the Bush self-defeating strategy.
Power in fact is no more political, or military. It is based more and more on the penetration of techno-linguistic automatisms into the sphere of language and life it is going to be based on the automation of cognitive activity.

the circle

Mediocre as it is, the novel written by Dave Eggars, The Circle is a metaphor of the relation between technology, communication, emotionality and power. The Circle is the name of a corporation, the most powerful corporation of the world: a sort of conglomerate of Google plus Facebook plus Paypal plus Youtube and much more. Three men are leading the company: Stockton is a financial shark, Bayley is an enlightened utopian who wants to establish perfection in the Earth obliging everybody to be perfectly transparent for everybody else, and Ty Gospodinov is the original conceiver of the Enterprise, the hidden mastermind of the project.
The main character of the book is Mae, a young woman who is hired by the company during the Completion, the final phase of implementation of TrueYou, a program intended to enforce the recording of every instant of life for the pervasive ceaseless sharing, for the total openness and transparency.
Thanks to her total dedication to the mission of total transparency, Mae becomes the spokesperson of the corporation, the face that appears every day in the infinite channels of the all pervasive television of The Circle, the ambassador of the new Credo.
The Circle is all about the utter capture of human attention: ceaseless communication, mandatory friendliness, creation of a new neediness: the obsessive need of expressing and sharing incessantly.
One may remark that Eggars is simply re-enacting Orwell, more than 60 years after the publishing of 1984. That’s true, but in the final pages of the novel Eggars goes further than Orwell, when the words of Ty Gospodinov expose the transhuman potency of the totalitarian nightmare of the completion.
In the last scene of the novel the inventor and the founder of The Circle manages to covertly meet Mae, the newbie who is seducing the global audience. He has lost control of his own creature, and is deprived of any power on the unstoppable self-deployment of the project that he originally conceived.
“I did not intend any of this to happen. And it’s moving so too fast. But I didn’t picture a world where Circle membership was mandatory, where all government and all life was channeled through one network…. There used to be the option of opting out. But now that’s over. Completion is the end. We are closing the circle around everyone. It’s a totalitarian night mare…”
The automaton cannot be stopped, as the creator of the automaton himself is overpowered by his own creature: the circle of continuous attention, the capture of attention.
The circle of perfect transparence of everybody to everybody.
The circle of total power and of total impotence.

Will the general intellect?

At the beginning of the xxi century we are in a position that is similar to the position of Malinche: the conqueror is here, peaceful or aggressive, functionally superior, unattainable, incomprehensible.
The bio-info automaton is taking shape from the connection between electronic machines, digital languages and minds formatted in such a way to comply with the code. The automaton’s flow of enunciation emanates a connective world that the conjunctive codes cannot interpret, a world that is semiotically incompatible with the social civilisation that was the outcome of five centuries of Humanism, Enlightenment and Socialism.

The automaton is the reification of the networked cognitive activity of millions of semio-workers around the globe. Only if they become compatible with the connective code, semio-workers can enter in the process of networking. This implies the de-activation of conjunctive modes of communication and perception (compassion, empathy, solidarity ambiguousness and irony), paving the way to the assimilation of the conscious organism with the digital automaton.
The financial abstraction is based on the impersonal operation of automatisms. Nobody is really in charge, nobody is consciously making decisions: logico- mathematical implications have replaced the decider, and the algorithm of capital has grown independent from the individual will of the owner.
Will the general intellect be able to disentangle itself from the automaton? Can consciousness act on neural evolution? Will pleasure, affection, empathy find a way to re-emerge? Will we translate into human language the connective language of the automated semio machine buzzing and buzzing in our heads?
These are questions that only Malinche can answer, opening to the incomprehensible other, betraying her people and reinventing language in order to express what can not be said.

August 2014


 

Malinche e l’automa

Quando flussi di incomprensibile enunciazione provenienti dalla Meta-macchina semiotica invadono lo spazio dello scambio simbolico, il nostro mondo collassa perché siamo incapaci di dire qualcosa di efficace sugli eventi e le cose che ci stanno intorno. I nostri discorsi girano a vuoto: sono lamenti, imprecazioni, ma non agiscono più sulla realtà.
La colonizzazione spagnola del Mesoamerica fu essenzialmente un processo di sottomissione culturale e simbolica. La “superiorità” dei colonizzatori stava essenzialmente nell’efficacia operativa delle loro produzioni tecniche. La colonizzazione distrusse l’ambiente culturale nel quale le comunità indigene avevano vissuto per secoli: la tecnologia alfabetica, il potere della parola scritta superarono devastarono e alla fine sostituirono le culture indigene. Il messaggio cristiano si contaminò con le mitologie pre-coloniali, e la cultura messicana ne emerse come effetto della sottomissione alla semiosi alfabetica e come effetto di sincretismo e contaminazione.
Grazie alla superiorità funzionale della semio-macchina alfabetica gli europei sottomisero e modificarono l’universo culturale dei nativi.
Il mito di Malinche sta a fondamento dell’inconscio latino americano. Prima dell’arrivo degli spagnoli Malinche, di nobile famiglia Atzec era stata venduta come schiava a commercianti di passaggio dopo la morte del padre. Quando arrivò Cortes, Malinche aveva appreso diversi dialetti Maya oltre alla madre lingua Nahuatl. Donna di eccezionale bellezza e di grandi risorse intellettuali, divenne l’amante di Cortes e lo accompagnò come interprete. Tradusse il dialogo tra Cortes e Moctezuma, e tradusse le parole che Cortes e i suoi religiosi rivolgevano alle folle degli indigeni.  Come riuscì a tradurre la mitologia Cristiana e i principi etici nella lingua mitologica di Quetzalcoatl e di Huizilopochtli? Che tipo di trasformazioni simboliche introdusse? la traduttrice traduttore era traditrice da ogni punto di vista: tradiva il suo popolo facendo lega con gli invasori. Ma al tempo steso tradiva i conquistatori  e il suo stesso amante. Dal punto di vista morale non doveva nulla al suo popolo che l’aveva resa schiava. Cortes l’aveva scelta come amante e come collaboratrice, ed ebbero un figlio, Martin, il primo Messicano. Malinche è il simbolo della fine di un mondo e anche il simbolo della formazione di un nuovo spazio semiotico e culturale. Solo quando sei capace di vedere la fine del tuo mondo, un nuovo mondo può essere immaginato. Solo quando ti liberi dalla speranza (il peggior nemico dell’intelligenza) cominci a vedere il nuovo orizzonte di possibilità. Questa è la lezione che Malinche ci offre.

democrazia

Il 31 Ottobre 2011 George Papandreou annunciò l’intenzione del suo governo di tenere un referendum per decidere se accettare i termini dell’accordo sul salvataggio dell’eurozona. Voleva che il suo popolo potesse decidere se accettare o respingere il diktat finanziario che stava strangolando la società greca. Quella notte stessa il primo ministro eletto di Grecia fu obbligato a rassegnare le dimissioni.
Proprio laddove venticinque secoli fa la democrazia fu inventata essa venne cancellata. Non tornerà in vita mai più.
L’astrazione finanziaria ha ingoiato l destino di miliardi di persone nel mondo. Il salario dei lavoratori europei si è dimezzato negli ultimi dieci anni, la disoccupazione e la precarietà crescono mentre i profitti finanziari schizzano verso l’alto.

guerra

Il continente euroasiatico va verso una proliferazione di micro-guerre che si saldano in una guerra frammentaria totale. La guerra infinita lanciata da Cheney e Bush ha aperto la strada alla costituzione del Califfato islamista.
In Giappone il primo ministro è il nipote di un ministro del governo nazista del 1942. Un razzista accusato di assassinio di massa (naturalmente neoliberista) è primo ministro dell’India.
La guerra euro-russa si prepara al confine ucraino.
Il capitalismo è destinato a prosperare grazie alla schiavitù di massa e alla catastrofe ambientale e lo scontro tra astrazione finanziaria e bio-fascismo si diffonde.
L’attività cognitiva automatizzata si separa dal corpo collettivo, e il corpo decerebrato prende la forma dell’aggressività identitaria. Il fascismo rinasce dallo spirito di vendetta dei perdenti: gli sconfitti della competizione economica si uniscono sotto le bandiere dell’identità aggressiva.

potere bio-finanziario

Depotenziato dalla macchina globale della finanza lo stato nazionale è impotente a governare. Le corporazioni globali prendono il suo posto. L’automazione di mente linguaggio emozioni è l’architettura del potere bio-finanziario.
Poco importa che la macchina militare americana giri a vuoto grazie alla strategia fallimentare di Bush. La potenza non è più politica o militare, ma si fonda sulla penetrazione di atomismi tecno linguistici nella sfera del linguaggio e della vita, e sull’automazione dell’attività cognitiva.

il compimento

Per quanto mediocre, il romanzo The circle di Dave Eggars è una metafora della relazione tra tecnologia comunicazione emozionalità e potere. The Circle è il nome di una corporation, la più potente del mondo: una sorta di conglomerato di Google più Facebook più Paypal più Youtube e molto altro. Tre uomini guidano la compagnia: Stockton è il pescecane finanziario, Bayley è l’utopista illuminato che vuole stabilire la perfezione sulla terra obbligando tutti a essere perfettamente trasparenti, e Ty Gospodinov è colui che ha concepito originariamente l’impresa, la mente che sta dietro tutto il progetto. Il principale personaggio del romanzo, però, è Mae, una giovane donna assunta dalla compagnia durante il processo del Compimento (Completion), la fase finale di implementazione di TrueYou, un programma che deve rendere obbligatoria la registrazione di ogni istante della vita per la continua condivisione, per la totale apertura e trasparenza.
Grazie alla sua dedizione alla missione di trasparenza totale, Mae diventa la portavoce della corporation, la faccia che appare ogni giorno sugli infiniti canali della pervasiva televisione del Circle, l’ambasciatore del nuovo Credo.
The Circle è un libro sul tema della cattura definitiva dell’attenzione umana: comunicazione ininterrotta, amicizia obbligatoria, creazione di un nuovo bisogno, l’ossessivo bisogno di esprimersi e condividere continuamente.
Si potrebbe osservare che Eggars sta semplicemente riproponendo Orwell, più di 60 anni dopo la pubblicazione di 1984. E’ vero, ma nelle pagine finali il romanzo di Eggars va oltre Orwell, quando le parole di Ty Gospodinov rivelano la potenza transumana dell’incubo totalitario del Compimento.
Nell’ultima scena l’inventore e fondatore del Circle incontra clandestinamente Mae, la neofita che ha sedotto il pubblico globale. Le rivela di aver perduto il controllo della sua creatura, e di essere privato di ogni potere sul dispiegamento inarrestabile del progetto che ha originariamente concepito.
“non volevo che questo accadesse, ma sta andando troppo veloce. Non volevo un mondo nel quale l’appartenenza al Circle è obbligatoria, in cui i governi e la vita del pianeta è tutta incanalata attraverso un unico network. Un tempo c’era la possibilità di venirne fuori, ora non più. Il compimento è la fine. Stiamo per chiudere il circolo che intrappola tutti. E’ un incubo totalitario.”
L’automa non può essere fermato perché il creatore è stato sopraffatto dalla sua creatura: il circolo dell’attenzione continua, la cattura dell’attenzione.
Il circolo del potere totale e della totale impotenza.

Potremo?

All’inizio del ventunesimo secolo siamo in una posizione simile a quella di Malinche: il conquistatore è qui, pacifico o aggressivo, funzionalmente superiore, irraggiungibile, incomprensibile. L’automa bio-info prende forma nel punto di connessione tra macchine elettroniche, linguaggi digitali e menti formattate in modo tale da essere compatibili con il codice. Il flusso di enunciazione dell’automa produce un mondo connettivo che i codici congiuntivi non possono interpretare ed è incompatibile con la civiltà sociale prodotta da cinque secoli di umanesimo illuminismo e socialismo.
L’automa è la reificazione dell’attività cognitiva connessa di milioni di semio-lavoratori in tutto il mondo. Solo diventando compatibili con il codice connettivo i semio-lavoratori possono entrare nel processo della rete. Questo implica la disattivazione dei modelli congiuntivi di comunicazione e di percezione (compassione, empatia, solidarietà, ambiguità ironia), e questo apre la strada all’assimilazione dell’organismo consapevole con l’automa digitale.
L’astrazione finanziaria si fonda sull’operazione impersonale degli automatismi. Nessuno è davvero al potere, nessuno prende consapevolmente decisioni: una catena logico-matematica ha sostituito la decisione, e l’algoritmo del capitale è divenuto indipendente dalla volontà individuale del proprietario.
Saprà l’intelletto generale emanciparsi dall’automa? Può la coscienza agire sull’evoluzione neurale? Riemergeranno in forma postumana il piacere, l’affetto, l’empatia? Sapremo tradurre in linguaggio umano il linguaggio connettivo della macchina automatica che ronza sempre più forte nelle nostre teste?
A queste domande solo Malinche può rispondere, aprendosi all’altro incomprensibile, tradendo il suo popolo e reinventando un linguaggio per esprimere quello che non può essere detto.

Agosto 2014

Comments are closed.

2017 Urgeurge · RSS Feed · Log in

Organic Themes